/ tempo libero

E luce fu...

Rispettabile Società  Enel,
Vorrei porre sotto la vostra attenzione un fatto disdicevole e inquietante che si verifica da qualche tempo nei pressi della mia abitazione.
Preminentemente tengo a precisare di non aver mai mancato alcun pagamento e di non avere altre controversie irrisolte con la vostra compagnia, della quale tra l'altro sono cliente da molti anni con discreta soddisfazione. Veniamo adesso alla questione che mi preme sollevare e della quale mi faccio portavoce.
Ho notato che nel corso del normale avvicendamento delle stagioni le ore di luce cambiano notevolmente in merito alla quantità  e alla qualità , cosicché se nei mesi estivi la luce permane fino a tarda ora durante l'inverno il calar del sole giunge oltremodo presto. Tuttavia ho riscontrato che le bollette bimestrali della vostra società  sono maggiormente onerose nei mesi della stagione invernale rispetto a quella estiva.
A questo punto mi chiedo con quale assurdo criterio venga gestita quell'enorme lampadina che avete installato (per altro senza alcuna mia autorizzazione scritta) in cima al cielo, inoltre è risaputo che le lampadine ad incandescenza consumano molto di più delle lampade fluorescenti a risparmio energetico.
Per quale motivo quindi un onesto cittadino dovrebbe pagare per un disservizio di questa entità ?
Vi comunico inoltre che ho già  contattato la società  del gas per protestare contro il gelo dell'inverno e la calura d'estate.
Ho deciso di intraprendere questa battaglia agli sprechi perchè tutti i cittadini e consumatori possano essere soddisfatti dei servizi erogati da società  come la vostra incuranti del futuro del nostro amato paese.

Cordialmente
J G
Firenze 05/04/2007