Dedico una riflessione al mio eterno viaggio nella scelta del browser definitivo, sempre che sceglierne solo uno sia un vantaggio.
Non sarà una classifica perché non sarei in grado di farla, ma più un elenco di pregi e difetti dei tre browser in esame: Mozilla Firefox, Apple Safari e Google Chrome.

Ma veniamo ai fatti!

Apple Safari

Non c'ho mai avuto troppa confidenza. Per tutti un browser veloce, a me è sempre sembrato lento. Forse è solo una questione di feeling, ma per quanto, periodicamente, ci riprovi, non riesco a usarlo più di tanto (la stessa cosa mi succede con Mail). In particolare non riesco a trovarmi bene con le password salvate (troppo "incastrate" con quelle di sistema) e gli shortcut, che sono troppo cervellotici (direi una caratteristica di casa Cupertino). Anche la barra degli strumenti non mi convince: personalizzabile ma solo fino a un certo punto.
A quando le estensioni?
Sebbene il giudizio sembri totalmente negativo, Safari in un certo qualmodo mi intriga e so che il mio giudizio non è definitivo.

Google Chrome

Veloce e pratico. A Google sanno (s)fruttare l'esperienza fatta dagli altri (che tutto sommato è un pregio): vi trovo quasi tutte le cose che mi piacciono di Firefox. Non mi sono trovato troppo bene con i preferiti e la gestione dei download, perdipiù, ancora in beta, spesso crasha (riesce comunque sempre a recuperare i tab aperti). L'attuale (e temporanea) mancanza di estensioni mi limita troppo, motivo per cui è stato, per ora, messo nel cassetto.

Mozilla Firefox

Il vero motivo per cui nasce quest'articolo, punto di inizio e fine: usato per anni, l'ho "abbandonato" qualche settimana per testare gli altri browsers.
La scelta di cambiare è stata causata dalla sua lentezza nel caricarsi, sicuramente derivante da anni di lavoro in cui gliene ho fatte di tutti i colori, tra estensioni, about:config e altro.
Ma prima o poi, si sa, si torna a casa e così è stato anche stavolta: in queste settimane ho continuato comunque a usare Firefox per fini lavorativi, in particolare a "causa" delle estensioni Firebug, WebDeveloper e ColorZilla, ma dopo la fallita ricerca di alternative a estensioni come Delicious, la libera aggiunta di motori di ricerca e il tanto agognato feeling, sono tornato ad usarlo in pianta stabile, comunque con un occhio sempre puntato sui "rivali".
Per chi non lo avesse ancora fatto, consiglio anche l'uso del suo figlioletto Flock.

Quindi?

Niente. Queste sono le mie impressioni, nel giudizio pesa sicuramente la scelta del sistema operativo Mac OSX "Snow Leopard". Su Linux, oltre a non avere Safari, Chrome avrebbe dato sicuramente un'impressione migliore.
Invito chiunque voglia ad aggiungere i propri pareri su questi e altri browser

blog comments powered by Disqus