Finalmente ho tra le mani il netbook comprato a dicembre (mica male l'assitenza Acer, lo ha tenuto solo 5 mesi...) e ho deciso subito di togliere la sua distribuzione (una Fedora rimaneggiata col pregio di avviarsi veramente alla svelta) e provarci Ubuntu 9.04 "Jaunty Jackalope" in versione Remix. Nella pagina di download ci sono tutte le istruzioni per copiare l'immagine di Ubuntu nella penna USB e avviarla.

Out-of-the-box funziona praticamente tutto, ma per rendere la distribuzione "utilizzabile" bisogna un po' spippolare, quindi approfittando della richiesta dell'Alice metto per iscritto quello che ho fatto.

E qui cominciano i magheggi :) Magheggi

Tanto per cominciare alla memoria SSD interna da 8GB (veramente leeeenta) ho affiancato una seconda SSD da 8GB SDHC che tengo sempre inserita nel lettore di sinistra del netbook. Durante l'installazione ho scelto questa memoria (/dev/mmcblk0pX) per /home, /var e /usr (rispettivamente di 2, 2 e 4GB) e non ho usato swap (mandando a quel paese l'installer che invece ci terrebbe tanto). La partizione root invece l'ho dovuta montare sulla memoria interna (altrimenti non parte....).

Tutte le partizioni sono state formattate con filesystem ext2.

Una volta terminata l'installazione e avviato il sistema ho fatto alcune modifiche al file /etc/fstab per diminuire le scritture del disco (noatime,nodiratime) e montare in ram alcune partizione temporanee:
UUID=fc754074-882f-4747-bb5c-830a2dac9bfd /               ext2    noatime,nodiratime,errors=remount-ro 0       1

/boot was on /dev/sda1 during installation

UUID=d728086f-41f8-462a-86d7-515fb19f71cf /boot           ext2    noatime,nodiratime        0       0

/home was on /dev/mmcblk0p3 during installation

UUID=3abedbbb-f626-48aa-8d69-fc37991e25e8 /home           ext2    noatime,nodiratime        0       0

/usr was on /dev/mmcblk0p1 during installation

UUID=60d18845-4c7b-4567-afa3-b7285679609c /usr            ext2    noatime,nodiratime        0       0

/var was on /dev/mmcblk0p2 during installation

UUID=2b90d8e1-27d0-4a3d-a4db-7b5bf3e37c6b /var            ext2    noatime,nodiratime        0       0
tmp /tmp tmpfs defaults 0 0
vartmp /var/tmp tmpfs defaults 0 0
varlog /var/log tmpfs defaults 0 0

Attenzione alla partizione /var/log: montata su tmpfs fa molto arrabbiare i programmi che di default loggherebbero in una sua sottocartella e non la trovano all'avvio (ad esempio apache).

Ho aggiunto anche elevator=noop come opzione di avvio del kernel (quindi nel file /boot/grub/menu.lst).

Allo script di avvio /etc/rc.local ho aggiunto le voci:
# As in the rc.last.ctrl of Linpus
echo ondemand > /sys/devices/system/cpu/cpu0/cpufreq/scalinggovernor
echo ondemand > /sys/devices/system/cpu/cpu1/cpufreq/scaling
governor
cat /sys/devices/system/cpu/cpu0/cpufreq/ondemand/samplingratemax > /sys/devices/system/cpu/cpu0/cpufreq/ondemand/samplingrate
echo 1 > /sys/devices/system/cpu/sched
smtpowersavings
echo 10 > /sys/module/sndhdaintel/parameters/power_save

Decrease power usage of USB while idle

[ -w /sys/bus/usb/devices/1-5/power/level ] && echo auto > /sys/bus/usb/devices/1-5/power/level [ -w /sys/bus/usb/devices/5-5/power/level ] && echo auto > /sys/bus/usb/devices/5-5/power/level

Ed infine a /etc/sysctl.conf:
# Economize the SSD

Strongly discourage swapping (default 60)

vm.swappiness = 1

Don't shrink the inode cache aggressively (default 100)

vm.vfscachepressure = 50

(default 499)

vm.dirtywritebackcentisecs = 1500

(default 10)

vm.dirty_ratio = 20

(default 5)

vm.dirtybackgroundratio = 10

(default 0)

vm.laptop_mode = 5

Work in progress

  • Per far funzionare i led della wireless bisogna scaricare, compilare ed installare i driver madwifi direttamente da svn ed aggiungere queste voci a /etc/sysctl.conf: dev.wifi0.ledpin = 3 dev.wifi0.softled = 1
  • Non funziona la sospensione (ma almeno non corrompe la memoria esterna come Ubuntu 8.xx), ma dato che con Linux4One funziona cercherò di capire cosa hanno fatto e replicarlo

Webografia

blog comments powered by Disqus